Scegli il videoproiettore che più ti piace ma che sia sempre il più adatto a te

Sono ormai molto diffusi e sono diventati un must per gli amanti dell’home cinema o dell’home theatre. Parliamo dei videoproiettori e del fatto che anche voi ne desideriate uno in casa vostra. Prima però di affrontare un acquisto di questo genere senza informazioni e senza conoscenze almeno di base, il consiglio è che leggiate gli articoli su Migliorevideoproiettore.it, come ad esempio quello sul videoproiettore 16:9 e memorizzare le informazioni utili che vi troverete.

Anzitutto chiariamo che le macro tipologie di videoproiettori sono essenzialmente due: videoproiettori per uso domestico e di divertimento e videoproiettori per uso aziendale e di lavoro.

Prendiamo il primo gruppo e cerchiamo di capire come organizzare la casa per sistemare nel modo corretto un videoproiettore.

Per prima cosa dovete trovare una parete della casa senza mobili e bianca o almeno di colore chiarissimo. Questa indicazione serve a capire se vi occorre oltre al videoproiettore anche uno schermo su cui proiettare. Nel primo caso, potete evitare lo schermo, in caso contrario, lo schermo è essenziale. Sarebbe consigliabile comunque lo schermo per avere un risultato finale ottimale ma possiamo concederci un’eccezione.

Poi dovete trovare un punto della casa che non abbia fonti luminose come finestre, lampadari o comunque qualsiasi cosa che produca luce; ne sarebbe penalizzata la qualità del video. Così come al cinema o a teatro avete i tendoni oscuranti, in casa dovete trovare un posto altrettanto “oscuro” per poter vedere bene. Inoltre dovrete collocare il videoproiettore lontano da zone di transito: l’ideale sarebbe sospenderlo a soffitto cosa che vi permetterebbe anche di non doverlo riporre a fine proiezione.

Da un punto di vista tecnologico, invece, dovrete stare attente ad alcuni elementi basilari quali la luminosità e il contrasto. Verificare il loro livello è possibile verificando il “lumen” ovvero “la capacità di emissione luminosa” il cui livello, che varia da 1000 lumen a 1500 lumen in media, influenza il “contrasto” nelle immagini con cui si intende il rapporto fra luce e oscurità, cioè bianco e nero.

Per finire  ricordate anche che esistono tre tecnologie dei videoproiettori: LCD, DLP e LCOS.